Equilibrio

Ho provato: il silenzio cura a casa per (davvero) disconnettere

Chi dice ritiro silenzioso, dice spesso monastero. Quando mi sono imbattuto in un metodo di scollegamento a casa, ho colto al volo l'occasione.

Nonostante il rumore del traffico, del vicinato, degli elettrodomestici, può essere vuoto di per sé ... a casa, il tempo di un fine settimana. Una cura di "inquinamento acustico e visivo" per mettere da parte l'agitazione ambientale e lo stress. Con Kankyo Tannier, monaca buddista della tradizione Zen, urbana e rurale, che pubblica La mia cura del silenzio (Prime edizioni).

Venerdì, organizzo me stesso

Avviso al mio entourage: "questo fine settimana, sono in pausa silenziosa". Lo stesso su Facebook. La risposta: "Lingua strana, come hai intenzione di fare?" Io che vivo con l'iPad, la TV, Instagram, Spotify, Netflix tutto in una volta, spengo tutto. Sono pieno di creme al cioccolato, romanzi. "La spiritualità buddhista, mi insegna Kankyo, è fisica". Hop, andiamo per una meditazione in movimento, centrata sul corpo, e nel mio solito contesto è un trailer di un appartamento sovraccarico.

Sabato, fai silenzio in te stesso ... e intorno a te!

Finalmente da solo, il mio coinquilino è andato a twittare altrove. Appena mi alzo, faccio la doccia, provo "il silenzio degli occhi" seduto sul mio pouf preferito. A casa, in ufficio o per strada, siamo pieni di immagini, informazioni. L'idea è di riportare la "consapevolezza" nei suoi occhi. Fisso il pavimento per dieci minuti: le palpebre si rilassano, cerco di mettere lo stimolo visivo in sospeso, per ricollegarmi al mio film interiore. Il mio è abbastanza difficile da descrivere, è una bouillabaisse di colori, un circuito disseminato di oggetti incongruenti. Il flusso di immagini nella mia testa alla fine rallenta, è bello. Il silenzio sarebbe totale senza questa piccola voce interiore che mi chiama ad alzarmi, a lanciare una macchina ... Con una zappetta immaginaria, ho tagliato il suono. Alla sera, sono tentato di consultare il mio cellulare. Ci penso e poi dimentico, prima di ambientarmi con un romanzo, Zen.

Domenica, il silenzio del corpo

Mi sveglio rilassato. Dopo un caffè, ripeto l'esercizio del "silenzio degli occhi". Non ho più il colpo d'occhio, intranquille, calma la mia insoddisfazione permanente, l'impressione di vedere, di fare abbastanza. Ho incatenato con "gaga head". Si tratta di rilassare il viso, per non parlare della mascella e della lingua. Sguardo droopy ma relax garantito ... Fai "silenzio nel corpo" è il sito del giorno che porta al rilassamento e all'ascolto delle emozioni presenti in questa o quell'area del corpo. Decido di far circolare un'emozione positiva, di rilasciare un'emozione negativa. Ci riesco con l'esercizio "Pina Bausch". Individuare una sensazione, dirlo ad alta voce "Sono infastidito" e ballare languidamente ripetendo questa frase. La tensione non resiste alla lascivia o alla morbidezza. Esco per vivere questo silenzio interiore ... fuori. Meno agitato, meno decentrato del solito. Nel parco, ignoro i passeggini e mi godo l'ombra di un ciliegio. Non mi importa di chiacchiere e risate, o cosa può disturbare il mio film interiore: mare calmo e tempo ideale. E lunedì, tornando alla realtà, con la sensazione di aver fatto un viaggio nella terra della saggezza e di tornare tutte le volte che desidero.

Guarda il video: Inizio curiosi. Ruolo critico Campagna 2, episodio 1

Messaggi Popolari

Categoria Equilibrio, Articolo Successivo

Sorriso:
Equilibrio

Sorriso: "anelli" trasparenti

Gli anelli di metallo tradizionali possono essere sostituiti con grondaie in plastica trasparente. Fatto su misura, più discreto e facile da rimuovere per lavarsi i denti e per mangiare, le grondaie possono correggere piccoli spazi o sovrapposizioni, a condizione che siano disciplinati e portarli da 20 a 22 ore al giorno.
Per Saperne Di Più