Cultura

La bambina sul lastrone di ghiaccio: un libro per avvisare i genitori

Un gentiluomo segue una bambina per strada. Sarà condannato ma pochi. Questo libro risveglia le coscienze.

In "La bambina sul lastrone di ghiaccio" (Editions Grasset), Adelaide Bon racconta della sua lotta per crescere nonostante tutto e riqualificare la frase. Dalla sua forma, dalla sua maturità, questo testo mostra come la trappola si chiude sul bambino, ma anche sui genitori.

Il libro:

  • Adelaide ritorna dalla festa scolastica da solo un giorno, a maggio. Lei ha nove anni. Un gentiluomo la segue fino alla tromba delle scale dell'edificio.
  • Viene presentata una denuncia per "contatto sessuale". Il referto medico non menziona nient'altro.
  • La vita va avanti, per tutti tranne che per Adelaide. Deve crescere con una memoria del corpo che è inaffidabile, immagini di violenza che sembrano emergere dal nulla.
  • I suoi genitori sono lì per lei, benevoli ma indifesi.
  • Diventa una di queste ragazze troppo, brucia le sue energie per sentirsi esistere, anche per colpire il guardrail senza fermarsi.
  • Adulto, lei ha tutto per essere felice, eppure niente va.
  • 23 anni dopo, chiamata dalla brigata dei minatori: il suo aggressore è stato trovato.

La forza del libro:

  • Mostra la vita, fino al bambino. Paura, incomprensione di fronte a un predatore. Gli sforzi dell'inconscio di "distruggere i dati" cancellano dalla memoria ciò che è accaduto perché se fosse venuto alla superficie, sarebbe stato insopportabile per il bambino, metterebbe in pericolo la sua personalità nella costruzione. L'adulto sa come bloccare la parola del bambino, murala viva, dicendogli dopo l'aggressione: "Sono tuo amico, non dirai nulla, è il nostro segreto".
  • Dimostra che ci vogliono anni per risvegliare i ricordi, il ricordo del corpo, ripristinare l'immagine di se stessi. E fa in modo che la corte riconosca che non c'era toccante ma stupro.
  • Lo stupro minorile è un crimine.

"QQuando sostituiamo il nemico con l'amico, la violenza dal piacere, lo stupro toccando, il pedofilo dal pedofilo, la vittima dal colpevole, l'orizzonte è una linea di filo spinato che vieta qualsiasi uscita dal campo."ha scritto Adélaïde Bon, che riassume anche la lotta che ha dovuto combattere contro le mentalità.

Credito fotografico: Philippe Matsas

Guarda il video: I pacchetti vancanza per i genitori separati

Messaggi Popolari

Categoria Cultura, Articolo Successivo

Intervista di Virginie Efira:
Cultura

Intervista di Virginie Efira: "Ho bisogno di stare sveglio."

Col passare del tempo! Dieci anni fa, mentre presentava La Nouvelle Star in televisione, nessuno avrebbe potuto prevedere che Virginie Efira sarebbe diventata una delle attrici più ricercate della sua generazione. Nel frattempo, l'attrice belga che incanta il cinema francese, ha dimostrato di essere migliore, molto meglio della sua divertente immagine del servizio.
Per Saperne Di Più
Cannes 2016:
Cultura

Cannes 2016: "Julieta", la madre era nera

Tre anni dopo le tribolazioni aneddotici, ma divertenti di amanti passeggeri, Pedro Almodovar (ancora) messo la sua esuberanza armadio e firmare con Julieta, un arco padronanza dramma che gli è valso una nuova selezione in competizione ufficiale al Festival di Cannes. Il film, presentato questa sera alla giuria a Cannes e camere visibili nel progresso, liberamente tratto tre nuovi Alice Munro, la letteratura Nobel nel 2013, dalle Fugitives di raccolta (ed.
Per Saperne Di Più
I vecchi odori: omosessuali, etero combattono anche!
Cultura

I vecchi odori: omosessuali, etero combattono anche!

"Les Anciennes odeurs" è l'amore di sette anni tra due vecchi amanti che parlano del passato ogni volta che si rivedono. "Qui è sempre così bello, non so perché il passato si sente sempre così bene" disse Luc a Jean-Marc, visitandolo nella casa che era loro. Viene a dirgli che suo padre, sul punto di morire, vorrebbe salutarlo.
Per Saperne Di Più