Cultura

La bambina sul lastrone di ghiaccio: un libro per avvisare i genitori

Un gentiluomo segue una bambina per strada. Sarà condannato ma pochi. Questo libro risveglia le coscienze.

In "La bambina sul lastrone di ghiaccio" (Editions Grasset), Adelaide Bon racconta della sua lotta per crescere nonostante tutto e riqualificare la frase. Dalla sua forma, dalla sua maturità, questo testo mostra come la trappola si chiude sul bambino, ma anche sui genitori.

Il libro:

  • Adelaide ritorna dalla festa scolastica da solo un giorno, a maggio. Lei ha nove anni. Un gentiluomo la segue fino alla tromba delle scale dell'edificio.
  • Viene presentata una denuncia per "contatto sessuale". Il referto medico non menziona nient'altro.
  • La vita va avanti, per tutti tranne che per Adelaide. Deve crescere con una memoria del corpo che è inaffidabile, immagini di violenza che sembrano emergere dal nulla.
  • I suoi genitori sono lì per lei, benevoli ma indifesi.
  • Diventa una di queste ragazze troppo, brucia le sue energie per sentirsi esistere, anche per colpire il guardrail senza fermarsi.
  • Adulto, lei ha tutto per essere felice, eppure niente va.
  • 23 anni dopo, chiamata dalla brigata dei minatori: il suo aggressore è stato trovato.

La forza del libro:

  • Mostra la vita, fino al bambino. Paura, incomprensione di fronte a un predatore. Gli sforzi dell'inconscio di "distruggere i dati" cancellano dalla memoria ciò che è accaduto perché se fosse venuto alla superficie, sarebbe stato insopportabile per il bambino, metterebbe in pericolo la sua personalità nella costruzione. L'adulto sa come bloccare la parola del bambino, murala viva, dicendogli dopo l'aggressione: "Sono tuo amico, non dirai nulla, è il nostro segreto".
  • Dimostra che ci vogliono anni per risvegliare i ricordi, il ricordo del corpo, ripristinare l'immagine di se stessi. E fa in modo che la corte riconosca che non c'era toccante ma stupro.
  • Lo stupro minorile è un crimine.

"QQuando sostituiamo il nemico con l'amico, la violenza dal piacere, lo stupro toccando, il pedofilo dal pedofilo, la vittima dal colpevole, l'orizzonte è una linea di filo spinato che vieta qualsiasi uscita dal campo."ha scritto Adélaïde Bon, che riassume anche la lotta che ha dovuto combattere contro le mentalità.

Credito fotografico: Philippe Matsas

Guarda il video: I pacchetti vancanza per i genitori separati

Messaggi Popolari

Categoria Cultura, Articolo Successivo

Pessoa, viaggi dell'insonno: un monologo commovente
Cultura

Pessoa, viaggi dell'insonno: un monologo commovente

Fernando Pessoa fa parte della lunga lista di artisti che non sono stati riconosciuti nella loro vita. Il suo lavoro, abbondante, sarà pubblicato solo dopo la sua morte. Teresa Rita Lopes, professoressa alla New University of Lisbon e grande specialista dello scrittore portoghese, ha deciso di presentare un montaggio di testi realizzati con 27.500 manoscritti (nientemeno!
Per Saperne Di Più
Le mille e una notte a Versailles
Cultura

Le mille e una notte a Versailles

Liberamente ispirato alle Mille e una notte, il coreografo Angelin Preljocaj immagina, non uno, ma Scheherazade, tacchi alti sexy o delicati ciondoli di uomini che ci fanno girare la testa. Alaïa si veste e si spoglia deliziosamente, la danza è ipnotica e languida, le ombre lasciano libero sfogo alla nostra immaginazione infiammata dalla musica di Natacha Atlas.
Per Saperne Di Più
Parigi: una piscina di palline in cima alla torre di Montparnasse!
Cultura

Parigi: una piscina di palline in cima alla torre di Montparnasse!

No, non stai sognando ... La Torre Montparnasse si trasformerà in un parco giochi per grandi e piccini durante le vacanze di Pasqua. Dal 13 aprile al 1 maggio, il monumento ospiterà una piscina di palline sulla terrazza del suo Osservatorio panoramico. Torna nella fanciullezza e vista mozzafiato Dopo la Val d'Europe, è la seconda piscina di palline nata in Ile-de-France.
Per Saperne Di Più
Corentin Fila, tesoro della primavera
Cultura

Corentin Fila, tesoro della primavera

Non fidarti del suo aspetto giovanile. Potrebbe giocare uno studente di liceo in 17 anni in cui abbiamo Corentin Fila ha già lasciato le coste dell'adolescenza: "Sono 27, sono un impostore!" Nato da madre francese e padre congolese , Fa il suo debutto nel lungometraggio di André Téchiné, uscito il 30 marzo, e per usare la frase, rompe lo schermo.
Per Saperne Di Più