Cultura

Zabou Breitman: "Manichaeism, lo odio!"

A Parigi, ecc., La serie trasmessa in novembre su Canal +, Zabou Breitman ha messo in scena, con umorismo e sensibilità, cinque eroine che lottano per vivere le loro vite come desiderano. Incontro con un'attrice e regista che giura per la libertà.

Marianne, un medico geriatrico, cura gli altri, ma non sa più come prendersi cura di lei. Nora, una traduttrice, sta lottando per far quadrare i conti e si meraviglia del futuro del suo matrimonio. Mathilde, una massaggiatrice a casa, convive sia male che bene con le sue indecisioni. Passiamo ... Parigi ecc.Una serie magistralmente incarnata da Valeria Bruni Tedeschi, Naidra Ayadi e Anaïs Demoustier (tra gli altri!), Zabou Breitman intreccia le storie sia divertente e commovente cinque eroine a bada. Cinque parigini che ridono, piangono, cercano di resistere agli schiacciasassi della vita quotidiana e, soprattutto, lottano per rimanere liberi. Risultato: una finzione stravagante e poetica che scuote le convenzioni. Una serie, anche, che conferma il prezioso talento del suo autore. Dal suo debutto come attrice negli anni '90, Zabou Breitman, sia nel teatro che nel cinema, ama sorprendere. Attrice per gli altri, dal 2001 mette in scena principalmente i suoi film: Ricorda cose bellissime, L'ho amato, ha... Con questa nuova avventura della serie successiva, Zabou, 58, dimostra che ama rinnovare pur rimanendo fedele al suo devastante dell'umorismo e la sua spiccata sensibilità. Si trova una mattina d'autunno in una birreria di 14e quartiere dove lei ha le sue abitudini. Torna alla straordinaria esperienza di Parigi ecc.

Cosa ti ha spinto a girare una serie?

Probabilmente ero predestinato a essere coinvolto in un progetto di questo tipo. Va ricordato che sono la figlia del creatore della prima e della più grande serie francese (Jean-Claude Deret, designer della serie Thierry La Fronde negli anni '60, ndr). Originariamente, il progetto Parigi ecc. era nelle mani di Maïwenn, ma non poteva completare l'avventura. Sono stato contattato dai produttori. A quel tempo, per coincidenza, stavo solo immaginando un'altra serie scenica, sui giovani. Ho accettato la proposta. Il mio universo non ha nulla in comune con quello di Maïwenn, ma trasformare una finzione intorno a Parigi e la vita di cinque donne mi ha stimolato al punto più alto.

Per quali ragioni?

Semplicemente perché sono una donna e sono in grado di evocare alcuni temi davvero andando davvero, senza vietarmi! Marianne, Mathilde, Nora e le altre eroine di Parigi ecc. si confrontano con situazioni e problemi che tutte le donne incontrano nella loro vita emotiva, professionale o sessuale. Tutti corrono dietro a qualcosa e cercano di farsi valere. Con il mio co-sceneggiatore Anne Berest, che aveva già lavorato un anno la serie con Maïwenn, abbiamo preso alcuni personaggi dal progetto originale di riscrittura e abbiamo inventato altri. Il mio mondo è piuttosto surreale e ho deciso di condurre la serie su questo percorso. Se le situazioni psicologiche di Parigi ecc. sono realistici, la serie mostra un'estetica estremamente accurata. Mi piace la forma, lo stile. Ecco perché volevo girare personalmente tutti i 12 episodi, senza affidare la produzione a nessun altro.

Pensi che la serie offra più libertà del cinema?

In ogni caso è un universo che mi eccita. E questo offre un incredibile numero di possibilità per sviluppare i personaggi e immaginare varie situazioni. Un film del cinema impone alcuni vincoli, in primo luogo: la durata. Ero molto attratto dall'idea di costruire una serie di 12 volte 30 minuti, sovrapposte storie, prendendo transizioni cura, sequenze e ritmo. È stato un sacco di lavoro, ma soprattutto molto divertente.

Parigi ecc. segue cinque personaggi femminili che lottano, tra gli altri, con difficoltà di comunicazione con i loro coniugi.

Per me, c'è qualcosa di naturale nel trattare certi argomenti senza tabù: l'amore, il sesso e questa solitudine interiore a cui nessuno sfugge. Ciò che più importa per me è che nessuna di queste donne è una caricatura. Queste eroine, le ho volute sia divertenti che sconvolgenti. Manichismo: lo odio!

A questo punto?

Non sopporto che noi condanniamo a priori l'essere umano, è così semplice ... Quando scrivo una sceneggiatura, quando vedo un punto stereotipo la punta del naso, mi gira. Sono implacabile.

Ogni episodio si apre su una scena di sesso, a volte molto crudo.

Sì e lo volevo! In queste scene di apertura, c'è davvero tutto, anche le coccinelle fanno l'amore (ride). Si trattava di declinare un tema, che, siamo d'accordo, ci interessa tutti, divertendoci, anche se, lì come altrove nella serie, non c'è solo divertimento. in Parigi ecc.Volevo essere divertente e stravagante, ma non quello ...

Evochi temi drammatici: difficoltà sociali, influenza dell'estrema destra, attacchi ...

Non ti insegno nulla: la nostra epoca non si presta sempre alla leggerezza. Modestamente, la serie presenta una sorta di inventario di ciò che stiamo vivendo oggi. Ecco perché, a volte, vediamo ad esempio che il più giovane dei miei personaggi si evolve nei luoghi in cui si sono verificati gli attacchi. Per loro, c'è qualcosa che assomiglia alla perdita dell'innocenza. Anche all'interno di certe scene, in un primo momento, le situazioni stravaganti possono trasformarsi in drammi ed emozioni. Mi piace molto, a volte molto rapidamente, scivolare da un registro all'altro e guidare lo spettatore a non sapere se deve ridere o meno. È così che guardo il cinema ed è così che immagino la vita.

Perché hai assunto il ruolo di Gil, questo ex-alcolizzato, esiliato nelle Indie Occidentali e in lotta contro i suoi figli grandi?

All'inizio, non volevo interpretare Gil. Ma il mio agente e i miei produttori hanno insistito, quindi alla fine ho ceduto. Anche se adoro questo personaggio, ho avuto problemi a indossare la sua panoplia. È molto difficile, quando sei a bordo per 83 giorni di riprese, essere davanti e dietro la telecamera. Mi ha infastidito la mattina per dover andare al trucco mentre i miei assistenti stavano preparando il piano di lavoro per la giornata. Inoltre, mi dà fastidio sparare come attrice di fronte alla mia squadra. Lo vedo come una specie di immodestia.

Questo imbarazzo non si sente un secondo quando scopri la serie!

Sono ancora un'attrice e ho un lavoro (ride). Ancora una volta, amo Gil, questo eroe un po 'trasandato che stravolge le convenzioni. Ma l'esperienza del gioco, in Parigi ecc. non mi ha riempito Quando sono un regista, il mio preferito è lavorare con altri attori. È sempre stato così. E, in questa serie, per i ruoli più importanti come per quelli che sono solo secondari, ho preso un enorme piede per lavorare con tutte le mie attrici e i miei attori.

La serie disegna un ritratto contrastante di Parigi, che appare sia come il luogo di tutte le possibilità sia come una città in cui i conflitti sono esacerbati.

Non siamo mai soli con noi stessi come in una grande città ... volevo Parigi ecc. evoca il maggior numero possibile di aspetti di questa meravigliosa e infinitamente complessa città. Parigi non si limita a Saint-Germain-des-Prés e, a volte, i film o le serie mostrano solo le immagini della capitale sotto forma di cliché. I luoghi in cui vivono i miei personaggi sono molto diversi tra loro e ho fatto in modo che i quartieri più diversi venissero mostrati. Dovevo essere giusto nell'esibizione di Parigi: volevo assolutamente evitare il lato Ratatouille (il cartone animato Disney, ndr).

Hai sempre vissuto a Parigi?

Sì, tranne che per quattro anni in cui ho vissuto nel Loir-et-Cher e dove, bisogna dirlo, mi sono annoiato copiosamente (ride)! Io sono quello che viene chiamato un succo puro parigino. E ho girato alcune scene in posti che conosco molto bene. Come in questo birrificio dove chiacchieravamo e assistevamo, prima di me, i miei bisnonni, i miei nonni e mio padre, fino alla sua morte lo scorso dicembre.

Hai nuovi progetti?

Non mancano. Oltre alla serie sui giovani di cui ho parlato all'inizio della nostra conversazione, sto lavorando a un film d'animazione: Rondini a Kabule sono anche molto attivo nel teatro. Il pezzo che ho montato la scorsa estate ad Avignone, logiqueimpertubabledufou, va in tour quest'inverno e, allo stesso tempo, continuo a giocare La compagnia degli spettrisecondo il romanzo di Lydie Salvayre. Questo testo evoca il totalitarismo, la memoria, i temi relativi alle nostre notizie, ed è importante per me trasmettere certi valori nel mio lavoro. Sono sette anni che suono questo pezzo unico sul palco, ovunque in Francia, e non intendo fermarmi. Secondo me, ci sono cose che un artista deve realizzare. La cultura non è solo una parte del mondo, ma deve anche aiutare a portarla avanti.

Guarda il video: Zabou Breitman - Numero completo del 26/05/2018 - Tè o caffè

Messaggi Popolari

Categoria Cultura, Articolo Successivo

La Cina al Arts Déco
Cultura

La Cina al Arts Déco

Niente sarà lasciato fuori! L'estensione della loro ricca collezione di arte cinese è completamente rivelata a noi. Nel programma, un vortice di virtuosismo, raffinatezza, gusto dei dettagli per girare la testa! F.J. Dal 13 febbraio al 29 giugno presso l'Arts Déco 107 Rue de Rivoli, 75001 Parigi 01 44 55 57 50
Per Saperne Di Più
Top 5 polari dell'estate
Cultura

Top 5 polari dell'estate

Se non sai quale polizza scivolare nella tua borsa questa estate, lasciati tentare dalla nostra selezione! Da leggere anche: Jacques Weber: "Flaubert, è la mia bibbia" Cosa porti in vacanza? I 5 migliori tascabili
Per Saperne Di Più
Tre mostre per tutti i santi
Cultura

Tre mostre per tutti i santi

Braque l'incantatore a Parigi È stato quarant'anni fa (l'ultima retrospettiva del 1973) che gli ammiratori di questo incantevole artista che era Georges Braque hanno atteso questa mostra! Torre fauvista, co-inventore di Picasso del cubismo, genio della carta incollata e, alla fine della sua vita, un pittore di uccelli raffinati e magnetici, l'artista, senza tregua, corse dietro al suo destino.
Per Saperne Di Più