Record

Sempre chic con il suo cappello De Punta en Blanco

Moderna parigina offre cappelli di Panama e cappelli di feltro importati direttamente dall'Ecuador, dove sono realizzati da artigiani locali con un know-how unico.

Originaria dell'Ecuador, Marina Gutiérrez-Berga è arrivata in Francia nel 1991. Dal 2002, questa ex archeologa ha fatto affidamento sui suoi legami con il suo paese d'origine per distribuire eleganti cappelli di Panama in Francia. A poco a poco, il suo showroom professionale del 20 ° arrondissement è diventato un negozio e, tre anni fa, ha creato il proprio marchio per vendere i suoi prodotti direttamente al pubblico. Lo ha chiamato De Punta en Blanco, un'espressione che significa "essere sulla sua 31" in spagnolo e riflette l'eleganza dei suoi articoli.

La storia del cappello di Panama

Star of Roland Garros e La Croisette, il cappello Panama è essenziale per proteggersi dal sole con uno stile chic e casual. Ma non essere confuso sulle sue origini: Panama è prodotto esclusivamente in Ecuador. Inoltre le fibre adatte alla sua fabbricazione, estratti della Toquilla, una pianta erbacea della famiglia delle palme, possono essere trovati solo in questa zona del Sud America. Il suo nome sarebbe stato ereditato da un cliché del presidente americano Théodore Roosevelt che indossava il famoso cappello durante l'inaugurazione del Canale di Panama nel 1906, il secondo imitando gli operai che lavoravano sul sito. Tuttavia, il suo paese d'origine ha cercato di ribattezzarlo "cappello dell'Ecuador", ma questo ha causato il simbolismo dell'eleganza delle vendite di un copricapo.

Una vasta selezione di cappelli fatti a mano

Se Panama è il re, De Punta en Blanco offre anche cappelli di feltro e berretti, cappelli e guanti a seconda della stagione. Dalla creazione del suo marchio, Marina Gutiérrez-Berga non passa più attraverso un esportatore ecuadoriano ma lavora direttamente con artigiani locali. Questo gli consente di offrire modelli originali e personalizzabili. Oltre ai classici (avorio con nastro nero o naturale con nastro marrone), il copricapo offre quindici colori di cappello e trenta colori di nastro, quest'ultimo può essere attaccato in diversi modi. Per uomini o donne con bordi larghi o sottili; stile coloniale, Dumont, Ravel ...; con una trama Brisa o Montecristi; impreziosito da un design dipinto a mano: sono disponibili oltre 300 modelli. Il tutto a un prezzo equo che rispetta gli artigiani pur garantendo la qualità della loro esperienza. Chic, senza tempo e giusto!

Da punta a bianco
14 rue Saint-Blaise
75020 Parigi 20 ° arrondissement
Tel. : 01 53 27 79 13
Mail: [email protetta]

Guarda il video: Una dimostrazione di scrutinio. Ruolo critico Campagna 2, Episodio 2

Messaggi Popolari

Categoria Record, Articolo Successivo

Creative Optic, l'ottico che innova
Record

Creative Optic, l'ottico che innova

Gioventù, creatività, voglia di intraprendere. Questi sono i tre aggettivi che meglio riassumono Clara e Ruben Benhaim. Fondatori due anni fa di Creative Optic, un negozio di ottica nel 6 ° arrondissement di Parigi, sono anche sposati da poco e genitori. Scapolo in mano, Ruben decide di rivolgersi all'ottica per "combinare il lato scientifico e il tocco umano.
Per Saperne Di Più
Fashion Studio a Parigi: una formazione completa, dall'ideazione alla realizzazione, per futuri stilisti, designer e designer tessili
Record

Fashion Studio a Parigi: una formazione completa, dall'ideazione alla realizzazione, per futuri stilisti, designer e designer tessili

Nel distretto di Sentier, Studio Mode forma futuri stilisti, designer e designer tessili. Creato dieci anni fa da due professionisti; uno del settore della moda, l'altro dell'educazione; lo stabilimento è in piena espansione da tre anni. La formazione è eccellente e gli sbocchi sono vari, dalla concezione alla realizzazione, nella haute couture, nel prêt-à-porter, nello sport, nel palcoscenico, nel cinema, nella televisione ... Selezionati su file e manutenzione, i gli studenti apprendono tutto
Per Saperne Di Più
Fahrenheit Seven Val Thorens: un hotel accogliente progettato per lo sci
Record

Fahrenheit Seven Val Thorens: un hotel accogliente progettato per lo sci

L'edificio in cui scivolava la F7 era uno dei primi hotel della stazione di Val Thorens, prima sotto il nome di Novotel e Mercure. Messo letteralmente sulle piste, è stato acquistato da un gruppo di investitori nel 2015. Stéphane e Veronique Vidoni, due albergatori di Megève, hanno rilevato la ristrutturazione dello stabilimento, sostenuta da un paio di amici investitori basati Londra, Glen e Claudia di Unger.
Per Saperne Di Più